Tempo limitato

29 Agosto, 2019 / no comments

Tempo Limitato

Storie di cose e di incontri non sempre casuali

Pietrasanta (LU), 6 luglio – 30 settembre

Il progetto materia&materia nasce dall’idea di due artisti cremonesi, Marco Solzi e Paolo Mezzadri. Una “condivisone creativa” tra la scultura di Mezzadri e la pittura di Solzi, insieme per scoprire e sperimentare nuove strade artistiche con l’utilizzo di medium diversi. Le tele di iuta dense di strati di colore e dallo spessore materico, delle opere di Marco Solzi, accolgono le reti, i fili e le radici di metallo e ferro arrugginito, caratteristiche dei lavori di Paolo Mezzadri. Il tempo, limitato spesso dal trascorre di discorsi casuali e di silenzi creativi, è anche il titolo della prima mostra dei due artisti. Per la prima volta, oltre alle tele di Solzi e alle sculture di Mezzadri, saranno esposte cinque opere alle quali hanno lavorato a quattro mani. Il risultato è un dialogo in fieri tra arte e materia, forza e leggerezza, pensieri e idee, spontaneità e studio approfondito. La mostra sarà ospitata nello spazio della interior designer Emanuela Marchesini a Pietrasanta e sarà inaugurata sabato 6 luglio in occasione della quarta edizione di “Collectors night” che, come ogni anno, trasformerà la cittadina toscana nella capitale dell’arte contemporanea.

MARCO SOLZI

Autodidatta, Marco Solzi è nato a Cremona nel 1959. Alla fine degli anni Ottanta risalgono i primi approcci alla pittura che proseguono fino ad oggi. Da sempre attento alle avanguardie artistiche conosce e apprezza l’arte americana degli anni ’50 e ’60 che influenza la sua pittura degli esordi, astratta e informale. Gli esperimenti sull’armonia dei colori, sul solco di Pollock e Rothko, si affinano con il passare degli anni. Gli anni Duemila segnano un’importante svolta nella pittura di Solzi: osservatore della luce in tutte le sue forme, l’artista approda a dipingere antichi lampadari su grandi tele di iuta. Gli chandeliers finiscono per diventare una cifra stilistica, contribuendo ad affermare la sua opera tra le più intriganti del panorama emergente italiano. Sempre alla ricerca di percorsi artistici da sperimentare e approfondire, gli ultimi lavori lo vedono impegnato su lettering di matrice concettuale.

PAOLO MEZZADRI

Cremonese, classe ’66. Dopo una lunga esperienza lavorativa nell’azienda di famiglia, nel 2010 decide di intraprendere un percorso nuovo e sicuramente molto creativo creando Metallifilati: arte e design contemporaneo. ”Il sogno è poter realizzare, vivere e condividere emozioni partendo dalla semplicità del gesto…”.Gli scarti del ferro diventano il punto di partenza delle sue opere, dal “non conforme” della produzione seriale al “conforme” del suo talento creativo. Le sagome inermi, abbandonate e corrose dal tempo, danno vita a lettere, alberi, forme geometriche piccole o grandissime, dal profumo inconfondibile di ferro arrugginito con cui intrattiene un “dialogo intimo e silenzioso alla scoperta o riscoperta di se”. Nel novembre 2014 si è tenuta la sua prima mostra personale negli spazi della Fondazione San Domenico di Crema. Da allora partecipa a numerose mostre personali e collettive e fiere d’arte nelle principali città italiane. Ha collaborato con il comune di Paratico e i suoi “Giocolieri” ora arredano lo splendido lungo lago. SPAZIO Emanuela Marchesini Via Garibaldi, 1 – Pietrasanta (Lucca) dal 6 luglio al 30 settembre 2019 Inaugurazione sabato 6 Luglio ore 19.00